LE ORCHIDEE . L’ UMIDITA’ E LA VENTILAZIONE (quarta parte)

In natura la temperatura e la luce sono elementi vitali per le orchidee. Ma le altre cose che non mancano mai sono anche l’aria e l’umidità!

Così ovviamente non è negli appartamenti.

Eppure, in abbinata con gli altri elementi, l’umidità sicuramente non manca in alcune zone dei nostri appartamenti, come in bagno o in cucina.

La coltivazione di tutte le orchidee è favorita da un livello ottimale di umidità, sia essa provenga da terreno (o dal vaso) appena irrigato o dall’aria. Quindi possiamo dire che l’umidità ha un grande influsso sulla coltivazione delle piante. Leggi tutto “LE ORCHIDEE . L’ UMIDITA’ E LA VENTILAZIONE (quarta parte)”

LE ORCHIDEE E LA LUCE (terza parte)

La luce è sicuramente uno dei fattori molto importanti, sia per l’uomo, che per le orchidee.

H 16.00 del 4 gennaio. Le luci si attivano sino alle 20.00

Come per la temperatura, ogni orchidea ha bisogno di una sua quantità di luce.

Non è vero che tutte le orchidee necessitano di luce “piena” o di esposizione a sud per prendere la maggior parte dei raggi solari.

E questo ce lo insegna lo studio del loro habitat naturale. Alcune vivono appese agli alberi in piena luce l’inverno, in ombra, coperte dalla fitta chioma degli alberi, l’estate, alcune perennemente nella penombra degli alberi dove sono ancorate ma la maggior parte necessita di luce abbondante, anche se non diretta.

La luce è essenziale ma la quantità dipende, appunto, dalla specie. Leggi tutto “LE ORCHIDEE E LA LUCE (terza parte)”

ORCHIDEE E TEMPERATURA. SERRA FREDDA, INTERMEDIA O TEMPERATA, CALDA. (Seconda parte)

E’ vero che i ricercatori e i coltivatori hanno creato nuovi ibridi di quasi tutte le specie, che sono sicuramente meno delicati e più facilmente adattabili di molte botaniche ai nostri appartamenti.

Si prenda ad esempio l’ibridazione della Phalaenopsis … Oramai la troviamo ovunque, anche dove il clima non sarebbe stato sicuramente confacente ai “genitori di razza pura”.

Ma conoscere la classificazione per temperatura è molto importante per procedere nella coltivazione e nella scelta delle piante da tenere in casa.

Si dice spesso e si legge: orchidea da “serra fredda”, “serra temperata o intermedia”, serra “calda”. Leggi tutto “ORCHIDEE E TEMPERATURA. SERRA FREDDA, INTERMEDIA O TEMPERATA, CALDA. (Seconda parte)”

RIPRODURRE L’HABITAT NATURALE PER LE ORCHIDEE. (Premessa )

Cominciamo oggi un “lungo articolo” che sarò composto da  ulteriori 3 parti.

Oltre alla presente premessa, che potrebbe avere per titolo “L’ambiente domestico e le orchidee… cercare il giusto compromesso!”, parleremo degli elementi fondamentali per le orchidee e la loro coltivazione:

  • LE ORCHIDEE E LA TEMPERATURA. SERRA FREDDA, INTERMEDIA O TEMPERATA, CALDA.
  • LE ORCHIDEE E LA LUCE
  • LE ORCHIDEE. L’ UMIDITA’ E LA VENTILAZIONE

Premessa.

Ho combattuto per anni contro le condizioni ambientali del mio appartamento al fine di ricreare il “microclima ideale” per le mie orchidee …

Le orchidee non vivono solo ai tropici, ma per questo è necessario che si ricrei al meglio l’habitat originale, anche a casa nostra o dove si decide di tenerle.

Cito nuovamente la frase di Giulio Farinelli che ho riportato parzialmente nell’header del nostro blog: Leggi tutto “RIPRODURRE L’HABITAT NATURALE PER LE ORCHIDEE. (Premessa )”

SALVATE LA STELLA DI NATALE !!! (scheda di coltivazione della stella di Natale)

Chi di noi non ha mai ricevuto (o comperato) una stella di Natale? La similitudine è scontata! Chi di noi non ha mai visto un film di guerra ???….

Immaginate la scena…

Dicembre…. Un battaglione di piante che sfidano l’esercito del Generale Natale. L’esercito delle piante è composto, per numero, dalla brigata delle orchidee e dalle numerose truppe d’assalto delle Stelle di Natale. Il 95 % di queste ultime verranno “massacrate”, mandate allo sbaraglio e sacrificate sul campo delle festività, e gettate irrimediabilmente nelle immondizie! La vittoria del Generale Natale è sempre scontata, nonostante il sacrificio delle oltre 20 milioni di stelle di Natale ,vendute in Italia durante le festività. Alle orchidee va meglio, perchè (anche dato il costo e la tipologia della pianta), la scelta risulta più oculata.

Per chi fosse interessato descrivo di seguito la mia esperienza personale di coltivazione (e di rifioritura), integrandola con i dati tipici di una scheda di coltivazione, nella speranza che chi riceve questa pianta la possa trattare al meglio, con la speranza che possa appassionarvi quanto un orchidea.

Generalità. Leggi tutto “SALVATE LA STELLA DI NATALE !!! (scheda di coltivazione della stella di Natale)”

COELOGYNE CRISTATA . COME FARLA RIFIORIRE!

Su quella che considero la “regina delle orchidee” ho già scritto una dettagliata scheda di coltivazione ( si veda link di rimando in fondo al presente articolo).

Fioritura febbraio 2019

Avere una fioritura quando si compera una pianta magari già prossima alla stessa , è molto facile.

Non lo è ( per molti) se la dobbiamo far rifiorire noi, nel corso del ripetersi degli anni.

La coltivo oramai da tre anni, e sino ad ora, rinvasi compresi, non mi ha mai tradito. ( Per chi non lo sapesse molti coltivatori dicono che, come lo

Psychopsis è una pianta permalosa che non rifiorisce almeno per un anno dopo le divisioni e i rinvasi ).

Cosa per me non vera perchè l’ho sia divisa che rinvasata al fine di donarla agli amici toscani Marco e Francesca!

E’ sicuramente una pianta che va capita … e per capirla bisogna osservarla!

Abbiamo detto che, prima di fiorire, necessita di un periodo fresco e asciutto che coincide, come tempistica, con la fine dell’autunno, inizio dell’inverno.

Leggi tutto “COELOGYNE CRISTATA . COME FARLA RIFIORIRE!”

ANTHURIUM… MA NON DITE CHE È UN ORCHIDEA! (scheda di coltivazione)

A Natale e a San Valentino questa pianta viene spesso regalata, per la forma a cuore del “fiore” spesso di un rosso cerato. E’ una pianta che è sicuramente spettacolare.

Alcuni anni or sono, in un topic sulla coltivazione delle orchidee, dopo numerosi thread contraddittori, chiesi di postare la foto dell’orchidea in questione…. Con mio stupore mi accorsi che non stavamo parlando di una orchidea ma di un Anthurium!

Anche i miei amici, quando vengono a trovarmi, indicando i miei Anthurium mi dicono: “Ma che belle orchidee… sembrano finte!” Leggi tutto “ANTHURIUM… MA NON DITE CHE È UN ORCHIDEA! (scheda di coltivazione)”

FREDCLARKEARA AFTER DARK – Il 2019 … un anno magnifico!

Su richiesta di alcuni appassionati dell’ “orchidea nera” , lettori di questo blog, voglio condividere con voi questi appunti di coltivazione.

Quest’ anno è stato eccezionale, sia da un punto di vista meteorologico, che da un punto di vista di sviluppo e precocità della pianta medesima.

L’ estate è stata una delle più calde da anni, l’autunno (almeno in Trentino) un vero disastro … è da più di un mese che piove e la luce naturale, ovviamente, è praticamente assente !

Nonostante tutto, come si può notare dalla foto sopra, dimensioni e fioritura sono state sbalorditive. Leggi tutto “FREDCLARKEARA AFTER DARK – Il 2019 … un anno magnifico!”

UN ORCHIDEA CARNIVORA ???

Osservate questa foto .

L’aspetto della foglie di questa pianta potrebbe sembrare, ad un primo sguardo, confuso con quello di un determinato tipo di orchidea.

Invece è una pianta carnivora!!!

E’ più precisamente una Nephentes x Ventrata, un ibrido ottenuto tra una Nephentes Ventricosa e una Nephentes Alata, ma di questa pianta parlerò appena avrò acquisito un po’ di esperienza grazie ai consigli di  alcuni  amici coltivatori ! Leggi tutto “UN ORCHIDEA CARNIVORA ???”

CLASSIFICAZIONE E SUDDIVISIONE DEI PAPHIOPEDILUM IN BASE ALLE LORO ESIGENZE E CARATTERISTICHE – Come coltivarli.

Lo scorso anno dopo 40 anni di appassionata attività, la “Riboni Orchidee” ha cessato la stessa, e il Signor Riboni Alfredo è andato meritatamente in pensione. Le sue orchidee hanno riempito molte abitazioni (compresa la mia!) e serre ma soprattutto molto ho appreso dai suoi preziosi consigli .

In rete si trova molto sulla coltivazione dei PAPHIOPEDILUM, comunemente conosciuti come “pantofole di Venere”, ma la scheda più completa ed esaustiva, che ci fa capire quale sia il Paphiopedilum più idoneo alla nostra abitazione e al nostro modo di coltivare a mio modesto parere era quella che si trovava sul sito del Signor Riboni ( pubblicata inoltre anche sul bollettino nr. 1 del 2015 dell’Associazione Lombarda Amatori Orchidee) .

Su mia richiesta il testo mi è stato cortesemente trasmesso e di seguito la condivido considerandolo una “pietra miliare su questa specie”.

Nel mondo delle Orchidee il Signor Riboni ha lasciato un vuoto. Buona pensione Signor Riboni. Grazie per tutto Alfredo!

PAPHIOPEDILUm – COME COLTIVARLI di Riboni Alfredo.

Genere comprendente circa 80 specie, il numero può variare in funzione dei tassonomisti che le inseriscono come genere a sè stante o come varietà.

Sono distribuite in tutto il sud-est asiatico, India, nelle isole del Pacifico, sud della Cina, Vietnam e vivendo ad altitudini molto variabili le loro esigenze climatiche sono molto diverse.

Tutte le specie sono comprese nell’allegato I° della CITES, la convenzione di Washington per la protezione della flora e della fauna, tutto il genere è strettamente protetto ed è vietata la raccolta in natura. Fortunatamente è un genere largamente riprodotto artificialmente.

Sono piante erbacee, senza pseudobulbi, che producono al centro di ogni vegetazione (che può variare da qualche centimetro ad oltre un metro) uno stelo florale che partendo da pochi cm. può arrivare ad oltre un metro, portando da uno a circa 15 fiori. Questi possono essere di dimensioni molto variabili: da qualche cm. per il Paph. helenae a petali di oltre un metro per alcuni cultivar di Paph. sanderianum. Un corto rizoma unisce ogni vegetazione, solo alcune specie (Paph. druryi, Paph. armeniacum Paph. micranthum) quando le piante sono adulte, tendono a sviluppare un rizoma più marcato.

In natura i Paphiopedilum sono quasi tutti terrestri, crescono nei detriti vegetali nella parte superiore del terreno, in anfratti rocciosi calcarei. Qualche specie , invece, come epifite sui tronchi ricchi di muschio e sui rami più bassi.

Suddivisi per comodità in quattro grandi gruppi a seconda delle loro caratteristiche, si differenziano notevolmente gli uni dagli altri.
Leggi tutto “CLASSIFICAZIONE E SUDDIVISIONE DEI PAPHIOPEDILUM IN BASE ALLE LORO ESIGENZE E CARATTERISTICHE – Come coltivarli.”